La nuova manovra finanziaria del 2017, intende portare al 30% la detrazione per investimenti in Start-up innovative,  sia per i soggetti privati che per aziende! Vediamo in dettaglio quali altre novità introduce.

I dettagli per accedere alla detrazione

I punti principali di questa novità sono:

  1. il tetto massimo di investimento agevolabile passa da 500 mila euro a 1 milione di euro;
  2. il periodo di permanenza dell’investitore passa da 2 a 3 anni;
  3. la quota che si potrà portare in detrazione IRPEF sale al 30%!

Questa nuova soglia di detrazione, entrerà in vigore solo dal 2017, quindi non potrà essere applicata ai periodi di imposta degli anni precedenti.

Nel dettaglio le agevolazioni IRPEF salgono:

  • dal 19% al 30% per investimenti in Start-Up innovative;
  • dal 25% al 30% per investimenti in Start-Up con vocazione sociale;
  • dal 27% al 30% per le imprese che investono in Start-Up.

Per quanto riguarda il periodo di permanenza, per avere diritto alla detrazione, l’investimento delle essere mantenuto per almeno tre anni di attività; la cessione prima del termine comporta la decadenza dei benefici ottenuti e il recupero da parte dell’Agenzia dell’Entrate delle detrazioni utilizzate nelle dichiarazioni dei redditi precedenti, oltre gli interessi legali. Questo allungamento è posto a protezione delle Start-up da eventuali speculazioni finanziarie e per far si che le stesse abbiamo a disposizione un tempo congruo per realizzare e monetizzare i propri progetti.

Per l’efficacia di queste nuove norme, bisognerà attendere l’autorizzazione dell’Unione Europea, in quanto fanno parte del Trattato di funzionamento dell’Unione Europea, consultabile in questa pagina.

– Mirko Maiorano