In questo articolo cercherò di dare quanti più dettagli possibili usando la mia solita semplicità di linguaggio nello spiegare come effettuare un’analisi SWOT per il proprio e-commerce.

Cos’è un’analisi SWOT?

SWOT – Strengths Weaknesses Opportunities Threats: è una matrice che ci permette di valutare i punti di forza, di debolezza, le opportunità e le minacce di un progetto all’interno di un’impresa o di ogni altra situazione in cui dobbiamo prendere una decisione per il raggiungimento di un obiettivo.

analisi swot

Come si effettua un’analisi SWOT?

La compilazione della matrice, richiede due processi di analisi, positivi e negativi e interna ed esterna:

1) analisi interna = punti di forza e le debolezze;

2) analisi esterna = opportunità e alle minacce presenti sul mercato.

Partiamo con i punti di forza della nostra azienda nell’obiettivo che stiamo analizzando, ovvero quelle attività per le quali dimostriamo di avere comprovata attitudine, quelle caratteristiche che rendono la nostra azienda potenzialmente più forte sul mercato. Consiglio: non essere autoreferenziale, ma cerca di trovare veramente il motivo per cui la tua azienda è stata e viene scelta dai tuoi clienti.

Stesso procedimento per le debolezze, ovvero tutte quelle attività per le quali sappiamo di non essere competitivi o quelle caratteristiche, strutturali, finanziarie o organiche, che pongono l’azienda in una posizione di svantaggio sul mercato. Consiglio: non fermarti alla classica debolezza “non abbiamo abbastanza risorse finanziarie” perché in tempo di forte crisi come quella che stiamo vivendo, tutte le aziende hanno questa debolezza; quindi scava nella tua azienda e trova le sue debolezze.

Per le opportunità scrivi le caratteristiche della domanda di mercato secondo i tuoi dati; es: molta o poca richiesta, stagionale, temporanea o duratura, etc. Consiglio: conoscere i dettagli del mercato dove operi è un punto di forza!

Per le minacce presenti sul mercato, analizza la tua concorrenza, ma non ti soffermare a questo perché ci sono tante altre minacce difficili da individuare ma che avvolte si sono rivelate letali per le aziende, come ad esempio rischi di cambiamenti esterni che possono incidere su redditività e produttività dell’azienda. Immagina di essere un’azienda che produce lampadine a incandescenza, tra le tue minacce avresti dovuto inserire l’innovazione tecnologica perché in brevissimo tempo il mercato delle vecchie lampadine è stato occupato dalle lampadine a risparmio energetico e a led.  Consiglio: cerca di essere lungimirante e pessimista, perché se prevedendo il peggio, la tua azienda è ancora in corsa nel raggiungere gli obiettivi, allora davvero quasi nulla può minacciare la tua attività e ti troverai sempre pronto nell’affrontare le varie situazioni che ti si presenteranno.

Come si effettua una analisi SWOT di un e-commerce?

Veniamo quindi alla messa in pratica! Per semplicità prendiamo come esempio un e-commerce di pneumatici che ha come obiettivo quello di aumentare le sue vendite nel nord Italia e centro Europa.

Punti di Forza:

1) Spedizione gratuita in tutta Italia;

2) Personale addetto al customer care molto competente;

3) Prezzi di acquisto molto bassi per via di accordi commerciali storici con alcuni brand di punta;

4) Cura del packaging del prodotto;

Debolezze:

1) Personale che non parla inglese;

2) Piccole dimensioni del magazzino;

3) Mancanza di un gestionale per la gestione delle giacenze;

4) Mancanza a catalogo di prodotti economici o pneumatici usati;

5) Numero limitato dell’organico aziendale;

Opportunità:

1) Poca concorrenza nazionale;

2) Livelli di domanda stagionali (primavera / autunno);

3) Molta domanda nel territorio italiano soprattutto nel centro nord;

4) Molta domanda all’estero soprattutto nei paesi del nord europa;

Minacce:

1) Avanzamento della tecnologia che rigenera i pneumatici con conseguente calo di domanda di gomme nuove;

2) Crescita dei competitor a livello internazionale che occupano il mercato nazionale;

3) Aumento del numero di ordini con conseguente calo nella qualità del servizio offerto a causa dei problemi strutturali e organici;

4) Crescita delle vendite delle macchine di piccola cilindrata nel nord Italia con conseguente calo di domanda di gomme più performanti e costose.

Da questa matrice SWOT possiamo comprendere se l’obiettivo del nostro e-commerce è perseguibile oppure no. Se siamo nel primo caso, come in questo esempio, perché le opportunità e i nostri punti di forza (positività) sono sufficientemente in grado di coprire le minacce e i rischi (negatività), allora possiamo passare all’elaborazione di una strategia che sappia sfruttare la nostra analisi SWOT.

Ecco un esempio di strategia di azioni da mettere in campo per il raggiungimento dell’obiettivo di questo caso studio.

Attività che l’azienda potrebbe intraprendere per raggiungere il suo obiettivo:

1) definire un nuovo accordo con i fornitori che preveda una formula di parziale drop shipping;

2) inserire, anche part-time, un addetto al customer care che parli l’inglese;

3) tradurre il proprio sito e-commerce in inglese con la possibilità di contattare il customer care telefonicamente solo in determinati orari o via e-mail in modo da non ingolfare le attività aziendali;

4) ottimizzare la spesa pubblicitaria geolocalizzando la visualizzazione degli annunci solo nelle zone con forte domanda;

5) enfatizzare all’interno del sito o con video pubblicitari, il packaging con cui viene spedito il prodotto perché per il settore in cui opera rappresenta davvero un qualcosa di diverso rispetto alla concorrenza;

6) cercare nuovi fornitori che trattano prodotti più economici in grado di ampliare l’offerta;

7) programmare un investimento, nel breve tempo (6-12 mesi), volto all’innovazione tecnologica dei processi aziendali tramite l’installazione di un software gestionale di magazzino.

Mettendo in atto queste attività, l’azienda non solo ha la possibilità di raggiungere i suoi obiettivi, ma anche di proteggersi da minacce e rischi. Naturalmente il tutto dovrà coincidere con il budget ha disposizione dell’azienda e nel caso programmare le attività per priorità allungando anche i tempi di misurazione dei risultati.

Sono sicuro che gli esperti della materia stanno pensando “Mirko, la fai troppo semplice”, ma è proprio questo il mio Obiettivo! La mia Debolezza più grande è quella di amare la materia così tanto che vorrei diffonderla più possibile, quindi l’idea di avere clienti con cui poter parlare la stessa lingua è nella mia attività un Punto di Forza e non rappresenta nessuna Minaccia, ecco perché penso che il mio blog sia per me un’Opportunità nel raggiungere i miei obiettivi.